oppure ho creduto di dire

quel che resta

Siamo nuovamente qui, come allora.
Quel che resta di una domenica mattina, di un’attesa. Quel che resta in senso esistenziale e malinconico.
Come la musica di Paolo Buonvino, dal film “Ricordati di me”.